Peru - travellingwithservas

Vai ai contenuti
Sono stata in Perù 160 anni dopo Flora Tristan. Purtroppo vi ho trovato le stesse enormi disuguaglianze sociali che aveva descritto lei, che continuano anche oggi. Più di 1 milione di persone non sa né leggere né scrivere, la disoccupazione è elevata, come pure il lavoro precario, senza contratto. Esiste una migrazione interna dalle Ande verso le periferie della capitale, dove la miseria è estrema. Le popolazioni originarie sono vittime di forti discriminazioni, sfruttate ed emarginate. Di conseguenza ci sono, oggi come allora, le proteste sociali che però non danno origine a dei cambiamenti positivi. Il governo e i centri di potere sono cambiati, ma per gran parte della popolazione le condizioni di vita sono più o meno le stesse di allora.

       



Maria Reiche e le linee di Nazca
Uno dei ricordi più belli del mio viaggio in Perù è il tour aereo che abbiamo fatto sopra le linee di Nazca e l'incontro con Maria Reiche, l'archeologa tedesca che a quelle linee ha dedicato la sua vita.

Il 15 maggio 1903 nasceva a Dresda la matematica e archeologa Maria Reiche, celebre per le sue ricerche sulle linee di Nazca in Perù.
Dopo gli studi di matematica, geografia e lingue presso l'Università Tecnica di Dresda, nel 1932 iniziò a lavorare in qualità di balia e precettrice presso il console tedesco a Cuzcoin Perù.
Nel 1934, dopo aver perso un dito a causa di una cancrena, si trasferì a Lima, dove continuò l'attività di insegnante ed iniziò a redigere traduzioni scientifiche. Allo scoppio della seconda guerra mondiale decise di non fare ritorno nella Germania nazista.                                          
                                                             ...continua...

Torna ai contenuti